PERCORSO VINTAGE A PARIGI

Parigi. Settembre 2021.

La prima volta che sono stata a Parigi, nel febbraio 2018, non mi é piaciuta. Mi sono slogata una caviglia sulla strada per Linate, non ho visto niente di ciò che veramente mi interessava e al ritorno non solo ho perso l’aereo, ma mi sono pure lasciata a Charles de Gaulle con il ragazzo con cui stavo al tempo! Non ci sono voluta tornare per anni. Quest’estate però dei miei amici hanno iniziato a lavorarci e con la mente fresca di chi ha superato ormai i traumi passati ho deciso che al primo weekend libero li avrei raggiunti. In particolare sono andata a trovare Clarissa, sicuramente ne avete già sentito parlare, anche lei é appassionata di moda e sta terminando gli studi in Marangoni. Clarissa, e anche tutti gli altri, vivono nel Marais, la zona modaiola di Parigi, pensate che hanno incontrato più volte Jacquemus al bar sotto casa. In ogni caso questa zona é quella che sono riuscita ad esplorare di più e guarda a caso é piena di vintage! Parigi conta 20 unità, é una città veramente grande e sembrerebbe che ad ogni angolo ci sia un negozio del settore. Avendoci passato solo un weekend é quindi impossibile fornirvi una guida e un quadro completo del panorama vintage della città ma per quello che sono riuscita a vedere vi faccio un breve quadro dell’idea che mi sono fatta e successivamente vi indico gli indirizzi che ho trovato.


Il vintage a Parigi

Prima di partire per Parigi ho pensato “Voglio fare uno shopping sfrenato, mi lascio andare e compro un po’ di capi nuovi” indovinate un po’? Ho comprato solo un gilet in maglia. E non perché, come succede di solito, la mia personalità sostenibile mi ha parlato ripetendo “non ti serve! Non ti serve!” Ma perché il vintage di Parigi é un po’ complicato. Ho evidenziato tre diverse tipologie di negozi, la prima é quella dei luxury vintage/second hand costosissimi ed inavvicinabili, alcuni hanno anche una parte della selezione non griffata ma ragazzi, che prezzi! La seconda é quella che si appoggia al grossista Kiliwatch, qualcuno mi ha detto “il vintage di Parigi é in mano loro”. Questo grossista, lo ammetto, ha dei capi un po’ borderline, sono anni che li conosco e mi sembra che con il tempo abbiano un po’ peggiorato la qualità. Fatto sta che questa tipologia di negozi hanno selezioni all’apparenza molto belle, perché colorate e piene di scelta, ma bisogna ravanare a lungo per trovare capi di effettiva qualità. É vero che nel secolo scorso si produceva meglio, ma che dire, c’è sempre l’eccezione che conferma la regola. Chi si appoggia a Kiliwatch ha prezzi contenuti ma avremo modo di approfondire il discorso nelle descrizioni dei singoli negozi. L’ultima categoria di negozi a Parigi é quella dei charity, pieni di super offerte e organizzati alla perfezione, bisogna aspettare e controllare in modo maniacale i capi che gli arrivano. Ci poi ci sono dei negozi che non sembrano rientrare in nessuna di queste categorie ma nel complesso posso dirvi che il vintage di Parigi mi é sembrato decisamente più costoso rispetto a quello italiano. La cosa mi é stata anche confermata da una negoziante milanese che mi ha raccontato di una turista parigina entusiasta per i prezzi del suo negozio “sono abituata a sentirmi dire che ********* ha prezzi alti ma questa ragazza mi ha fatto notare che a Parigi il vintage di questa qualità non é affatto accessibile”.


PARTE 1: I NEGOZI D'ABBIGLIAMENTO


1.1 I negozi griffati


Citizen

22 Rue de Thorigny, 11 Rue du Roi Doré

Solo donna

Il negozio esplode di capi capi firmati, alcuni molto belli, prezzi strani, alcuni inavvicinabili altri moderati. Nonostante l’esplosione di capi non ho trovato nulla di particolarmente interessante, mi è sembrato un po’ tutto “da signora”. Curiosità: il negozio pullula di cartelli che ricordano il fatto che il negozio era presente all’interno dei film Personal Shopper con Kristen Steward.


Palace Callas

16 Rue du Pont Louis-Philippe

Decisamente il mio preferito tra i negozi griffati, i prezzi sono alti e talvolta inavvicinabili. Tuttavia mi hanno detto che non è sempre così, di tanto in tanto si trovano delle super offerte, è quindi un posto da tenere sottocchio! Il 95% dell’abbigliamento è per donna, all’uomo è lasciato poco spazio. Buono a sapersi: vendono bijoux ad ottimi prezzi + hanno un carrello delle offerte.


Pretty box

46 Rue de Saintonge

Uomo-donna

Negozio completamente e indiscutibilmente inavvicinabile per i prezzi ma (c’è sempre un ma) molto bello da vedere. Clarissa mi ha spiegato che il proprietario ha un sacco di amici famosi e all’interno del negozio rivende alcuni dei loro capi. I prezzi esagerati sarebbero quindi da lui giustificati con frasi del tipo “quella maglietta era di Lady Gaga”. Ovviamente non si potevano fare foto, ne ho fatte due prima di accorgermene eheh, comunque non so chi avesse messo questa t-shirt (vedi foto) ma 210 euro per me non li vale. Lo stesso proprietario ha anche un altro negozio in 2-2 Rue du Pont aut Choux dedicato praticamente solo agli accessori.


Gaijin

2-24 Rue du Pont aux Choux

Uomo-donna

Negozio molto interessante, soprattutto per il concept: vende solo vintage e seconda mano di designer giapponesi.


Open Dressing

Solo donna

63 Rue de Turenne

Molto da sciura. Prezzi alti.


La Boutique de Cara

Solo donna

80 Rue de Turenne

Negozio molto curato, prezzi alti ma non sempre inavvicinabili, attenzione però ai falsi. Io e Clarissa abbiamo visto una borsa di Dior che potevamo cucire finta meglio noi!


Didier Ludot + Gabrielle Geppert + Antiques Gilets

Galerie de Valois

Questi tre negozi non sono collegati fra loro ma si trovano tutti nella Galerie de Valois e sono tutti estremamente costosi! Il primo è l’unico in cui sono riuscita ad entrare di persona e posso dire che ha dei capi da archivio (e non solo) veramente molto belli. Gabrielle Geppert ha invece deciso di non aprirci neanche la porta, si vede che con un solo sguardo ha capito che non ci potevamo permettere nulla, cara Gabrielle spero tanto che un giorno ti capiti lo stesso con una persona importante e ti faccia pentire di essere una tale snob. Antiques Gilet era invece chiuso ma mi piace molto l’idea dell’accostamento dei Gilet con pezzi d’antiquariato.


Bobby

89 Rue Réaumur

Negozio su due piani con selezione uomo donna molto ampia. Prezzi alti. Non mi ha lasciato particolarmente entusiasta.


1.2 Le catene


Free’p’star

61 Rue de la Verrerie

20 Rue de Rivoli

%1 Rue Saint-Denis

Uomo-donna

Free’p’star è una catena di negozi di seconda mano e vintage. I prezzi sono veramente molto bassi, c’è anche una selezione di capi ad 1 euro. É però un posto in cui bisogna saper cercare e in cui non bisogna essere schizzinosi, molti capi sono ammassati, le scarpe anche. Tuttavia fra tutti i negozi di Parigi mi è sembrato quello più interessante in cui trovare belle offerte.


Kilo shop

125 Bd Saint-Germain

69-71 Rue de la Verrerie

10 Bd MontMartre

Uomo-donna

Catena di negozi vintage che vende capi al chilo. La mia prima impressione è stata di estasi, all’interno di questi negozi si trovano una marea di capi suddivisi per stile e genere. Camicie, completi, jeans, lingerie, kimono, scarpe, indumenti da lavoro, di tutto!!! I negozi sono anche perfettamente strutturati, ogni capo presenta una sorta di anti taccheggio colorato, ogni colore sulla bilancia corrisponde ad un prezzo al chilo, il cliente ha la possibilità di pesare i capi e scoprirne il prezzo prima di portarli in cassa. Mentre guardavo e cercavo cosa comprare mi sono resa conto di un paio di difetti: 1) non tutti i capi erano integri, alcuni mostravano macchie o strappi 2) quel vintage non era buon vintage, tranne alcune rare eccezioni. Tutti i capi della catena kilo shop (come anche quelli di Hippy Market di cui parlerò subito qua sotto) provengono dal grossista Kiliwatch che a sua volta ha dei negozi di abbigliamento usato; personalmente è un grossista che non amo particolarmente per la qualità dei capi tuttavia ci sono degli ulteriori fattori da tenere presente. É vero che i kilo shop hanno dei capi quasi mai di alta qualità, è anche vero che si possono trovare capi con macchie o logoramenti ma bisogna ammettere che di fatto questa tipologia di negozi è strutturata come se fosse un grossista alla portata di tutti. Non viene fatta una vera e propria selezione, i capi sono solo suddivisi per categoria o colore, questo significa che bisogna saper cercare, ravanare a lungo per trovare il capo perfetto come di base sarebbe se entraste da un grossista. Questa tipologia di negozio può non piacere ai super esperti di vintage o a chi predilige solo capi di alta qualità, tuttavia accantonando per un momento il discorso vintage e prediligendo quello sostenibilità, si può dire che questo tipo di negozio può essere molto utile per chi vuole vestire di seconda mano o sostenibile ma ha un basso potere d’acquisto o magari è molto giovane e ha ancora bisogno di fare acquisti compulsivi. Good to know: non hanno i camerini



Hippy Market

41 Rue du Temple

71 Rue Rambuteau

46 Rue Saint-André des Arts

Uomo-donna

I negozi Hippy Market fanno sempre parte della stessa catena dei Kilo Shop e di conseguenza anche loro si riforniscono da Kiliwatch. La differenza tra gli Hippy Market e i Kilo Shop, oltre la modalità di acquisto, è che da Hippy Market i capi sono già selezionati e proprio per questo i prezzi sono già più alti e non sempre la qualità-prezzo è adeguata. Tuttavia sono negozi esteticamente bellissimi e molto ben organizzati.



Espace Kiliwatch

32 Rue Étienne Marcel

Lo inserisco in questa categoria solo per completare la riflessione già iniziata. Il negozio Kiliwatch non è solo vintage, anzi, la parte di second hand è più un corner. Qualità e prezzi sono gli stessi già discussi nei due negozi precedenti.


1.3 I charity


Bis Boutique Solidaire

7 Bd du Temple

Uomo-donna-bambino

Negozio solidale estremamente curato e ordinato, la maggior parte dei capi è fast fashion ma cercando e tenendo d’occhio si possono sicuramente trovare degli affari. Per quanto mi riguarda avevo visto delle bellissime scarpe vintage e delle belle giacche da uomo, sempre vintage!



Emmaus alternatives

74 Rue de Turbigo

54 Rue de Charonne

43-45 Rue du Faubourg du Temple

Uomo-donna-bambino

Questo negozio mi è stato consigliato da tutti, in effetti è un charity shop molto interessante e pieno di offerte. Quando sono andata io non ho trovato nulla di speciale, a parte un paio di saldali che però erano ormai fuori stagione per me, però è sicuramente un posto da visitare e tenere d’occhio.



1.4 Montmartre e gli altri negozi

A Montmartre ci sono stata un intero pomeriggio, che zona stupenda! Anche qui è pieno di vintage e sono molto diversi rispetto a quelli del Marais, mi hanno infatti ricordato i vintage bazaar di Roma.

By flowers

86 Rue des Martyrs

uomo-donna

Negozio vintage molto incasinato, prezzi intermedi, si possono trovare chicche. Attenzione a possibili strappi sui capi.


Flash Vintage

64 Rue d’Orsel

uomo-donna

Negozio vintage altrettanto incasinato come il precedente, la proprietaria è un personaggio stupendo, sembra uscita da un film anni ’30.



Chinemachine

100 Rue des Martyrs

10 Rue des Petites

uomo-donna

Io sono stata nello shop di Montmartre e mi sono trovata molto bene, sono stata in un periodo di sconti ma anche i prezzi non scontati sembravano adatti alla qualità-prezzo.



Brut (Le Marais)

3 Rue Réaumur

Negozio vintage solo uomo, ci sono passata davanti tante volte ma sempre in chiusura e non sono riuscita ad entrarci. Tuttavia mi è stato molto consigliato dagli amici di Parigi. La collezione è classica ed informale, adatta a chi vuole essere tutti i giorni ben vestito ma non troppo elegante. I prezzi da quanto mi hanno raccontato sono un po’ strani, tendono comunque al medio-alto. Questo negozio ha anche un bellissimo sito internet che vi consiglio di guardare.


Hier Vintage (Le Marais)

8, Rue du pont aux choux 3ème

Uomo-donna

Negozio pieno di capi per lo più non griffati ma con prezzi decisamente molto alti.


Relique Paris (Le Marais)

25 Rue Nostre Dame de Nazareth

Uomo-donna-bambino

Boutique Vintage ideata dalla youtuber francese Clara Victorya: presenta un negozio dedicato ai capi vintage da bambini e uno per uomo e donna, inoltre ha recentemente aperto un corner anche alla Galeries Lafayette. Personalmente ho visitato solo il negozio principale e devo dire che è stupendo, spettacolare, altamente scenico! Tuttavia la selezione, che presenta prezzi intermedi, non mi ha fatto impazzire e non mi è sembrata di alta qualità. In ogni caso è un posto da visitare assolutamente. PS Clarissa mi ha detto che Relique Paris ogni tanto ospita capi vintage di qualche VIP.



1.5 Il mercatino delle pulci di Saint-Ouen

Questo mercatino è stato molto frequentato dai miei amici Margherita, Andrea, Giorgio e Jerry che hanno fatto degli ottimi affari come ad esempio le loro fantastiche bici con cui hanno girato per mesi la città, io purtroppo non ho fatto in tempo ad andarci. è un mercato permanente e potete trovare online gli orari e i giorni di apertura. Qui trovate di tutto, dall'antiquariato al vintage, mi hanno detto che questa parte del mercato può essere considerata una sorta di Mercante in Fiera di Parma stabile e infatti i prodotti sono più legati al mondo dell'arredamento e hanno dei costi molto alti. All'interno di una piccola enclave ci sono però delle piccole case aperte solo il venerdì-sabato-domenica in cui trovate invece vinili, libri, vestiti vintage e oggettistica varia. Qui i prezzi sono molto variabili, potete trovare capi a 600 euro come a 10, Andrea mi ha detto "Una volta ho trovato una giacca ottocentesca da pompiere, costava 600 euro e ogni bottone 100 euro. Lo stesso venditore creava a sua volta giacche con tessuti recuperati". Tutto intorno trovate anche altri negozi del settore.


PARTE DUE: ALTRI INDIRIZZI INTERESSANTI


1.1 Un po’ di tutto


Mélodies Graphiques + 1

10 Rue du Pont Louis-Philippe

Un posto stupendo, una delle cartolerie più belle in cui sia mai entrata. All’interno potete trovare carta da lettere, biglietti d’auguri, pennini, china e tutto il necessario per scrivere ed esercitare la calligrafia. Stranamente non ho comprato nulla, questo però è dovuto al fatto che la carta, seppur bellissima, era quella italiana di Firenze che già compro alla metà del prezzo in una cartoleria di Milano. Mélodies Graphiques è infatti carissimo, inoltre mi hanno detto che il proprietario è spesso poco cordiale. Subito affianco trovate un’altra cartoleria sullo stesso genere di cui mi hanno parlato molto bene, purtroppo io non ci sono riuscita ad entrare perchè era chiusa la mattina che sono passata.



Merci

111 Bd Beaumarchais

Multistore che non ha nulla a che vedere con il vintage ma che mi è piaciuto particolarmente. Il negozio ha sia una linea propria, sia ospita collezioni provvisorie di vari designer. Ha annessi un bar e una gelateria, il focus principale del negozio è il design domestico e la biancheria per la casa. Bellissimi però gli accessori!

Le Coupe Papier Librairie théâtrale

19 Rue de l’Odéon

Consigliata da una follower pare ci si possano trovare vecchie cartoline di Parigi sia scritte che non, purtroppo non ho fatto tempo ad andare


Verpal Paris

19, rue du Pont-Louis-Philippe

Vende collanine con segni zodiacali a prezzi accessibili


Rupture Record Store

11 Rue du Vertbois

Come sapete non sono un’esperta di vinili ma questo negozio-bar è spettacolare, molto bello, selezione apparentemente varia e ottimi prezzi. Anche il proprietario è molto simpatico.

Banchetto di libri e riviste

Non penso che questa edicola avesse un nome ma ci tengo a segnalarvela perchè qui ho adocchiato vecchie riviste! Si trova esattamente di fronte al Louvre camminando sulla Senna all’incrocio tra Quai Francois Mitterand e Rue de l’Ammirai de Coligny.



Libraire

53 Galerie Vivienne

Stupenda libreria piena di libri di seconda mano e antichi, tra le varie cose si trovano anche poster, foto, cartoline e vecchie riviste.


1.2 I ristoranti


Café Hugo

22 PI. des Vosges

Café tipicamente parigino, si mangia bene e si spende il giusto. Consigliato per il pranzo.


Le petit Marché

9 Rue de Béarn

Ottimo locale in cui gustare una cena tra amici.


Chez Janou

2 Rue Roger Verlomme

Ricordo di avervi messo qualche foto la sera in cui Clarissa mi ci ha portato e siete tutti letteralmente impazziti. Il posto è super vintage e il personale molto gentile, si mangia anche benissimo!


Da seguire per il vintage a Parigi

  1. Clara Victorya. Youtuber francese fissata con il vintage, nonché proprietaria di Relique Paris. Ha uno stile pazzesco e pubblica spesso mercatini per la città.

  2. Ilaria Ro. Seller su Lolita Vintage, nella sua pagina personale da consigli sul vintage a Parigi.

  3. Confetty1981. Elisa è una super esperta di vintage a Parigi, lei sì che potrebbe scrivere una guida completa! Insieme a Giulia Torelli (@rockandfiocc) organizza tour vintage per la capitale francese.

Posti da evitare: Cheap Trip Vintage, Episode - di solito non sconsiglio posti però questi mi hanno proprio deluso! Molte cose non solo non sembrano vintage o di seconda mano ma addirittura prodotti in serie di bassissima qualità.


Ho trovato questo biglietto in un negozio. Di alcuni ve ne ho parlato, gli altri non sono riuscita a vederli ma comunque penso siano in linea con i prezzi degli altri, ve lo lascio comunque nel caso in cui voleste farci un salto:



362 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti